Home  Books Io e Georgette  I miei racconti Blog  Eroi da sballo  cupcakes

 

 

 


 

Vuoi vedere che è proprio amore?
L
'incipit
 

Milano, una scuola media statale, maggio 2014

«Professoressa, è arrivato un altro genitore, sa, per il colloquio…»
Piera alzò gli occhi al cielo e guardò l’orologio: undici e dieci minuti. Dieci minuti di ritardo e nessun appuntamento.
Sospirò.
Parlare con un altro genitore voleva dire perdere quasi completamente l’ora buca che di solito utilizzava per correggere i compiti o fare qualche piccola commissione. E, accidempolina, aveva visto quell’abitino nella merceria di viale Brianza. L’unica merceria ancora aperta a Milano e l’aveva beccata lei! Dio, non era forse patetico comprare i vestiti in merceria? Forse solo sua nonna e le sue diaboliche amichette novantenni lo facevano ancora. Ma l’abitino era a buon mercato, semplice come piaceva a lei e… color grigio topo. Possibile che si vestisse solo di grigio? E senza nessuna dannatissima sfumatura, per giunta!
Sorrise amaro, pensando ad altre sfumature, anche se non era quello il momento di piangere sulla sua castissima vita di single. Ora doveva incontrare il genitore ritardatario, privo di buona creanza e di un accidente di appuntamento.
Be’, per questa volta avrebbe chiuso un occhio, anche perché forse si trattava della mamma di Diamante De Braud che aveva convocato già da un paio di settimane, ma che ancora non si era vista. Secondo Diamante, che tutti chiamavano Didi, la madre era in Irlanda a risposarsi da qualche parte.
In Irlanda? A risposarsi con un leprechaun?
Di certo un’altra frottola della ragazzina.
Ok, era ora di vedere la genitrice inopportuna.
«Le dica che arrivo fra cinque minuti, Flaminia» disse.
La commessa la guardò con uno strano sorrisino sulle labbra. «Gli dica. È un papà. E non so se mi sono spiegata.»
Non so se mi sono spiegata. No che non ti sei spiegata, Flaminia! Ora anche le commesse erano diventate petulanti? E quel sorrisetto ammiccante che diavolo voleva dire?
Come se non avesse ricevuto nessuna gomitata metaforica nello sterno, finse di ributtarsi a capofitto sul compito che stava correggendo e con un che di acido rispose: «Gli dica, allora. Grazie».
«Il genitore mi ha anche detto di dirle che lui ha molta fretta…»
Piera alzò lo sguardo davanti a sé e sentì una fitta di rabbia trafiggerla. «È in ritardo e ha pure fretta?» Ora lo sistemo io, questo maleducato, pensò alzandosi con troppa foga e dirigendosi verso la porta con fare minaccioso.
«Il registro, professoressa! Non dovrebbe portarlo con sé?» le ricordò Flaminia.
Decisamente petulante.
Trattenendo un’imprecazione, che in ogni caso non sarebbe stata molto più spinta di un perdindincibacco!, Piera si bloccò, girò su immaginari cardini e tornò sui suoi passi. Poi, a testa alta e col registro ben stretto in mano, passò di fianco a Flaminia che la guardava ancora con quello strano sorrisino.
«Vedrà, professoressa, non se ne pentirà.»
«Forse sarà lui, a pentirsene» mormorò lei tra i denti.
Avrebbe detto il fatto suo a quel maleducato.
Come no?

 


 

 

 



LA STORIA
L'INCIPIT
LE RECENSIONI

Ordina su:
Amazon
BookRepublic

iTunes
Kobo


Torna a:
E infine la Bestia incontrò Bella

Vuoi vedere che è proprio amore? - edizione cartacea Mondolibri

Un amore di inizio secolo - Di nuovo insieme

Zitta e ferma Miss Portland!

Alta marea a Cape Love - edizione cartacea Mondolibri

La brutta e cattiva

Vuoi vedere che è proprio amore?

La traversata - Un amore di inizio secolo

Un Amore di fine secolo

Al diavolo la logica

Tutta colpa del vento (e di un cow boy dagli occhi verdi)

Ritorno a Cape Love

Alta marea a Cape Love


Bang Bang, tutta colpa di un gatto rosso

Un cuore nella bufera

First impressions

La 203

  
 
 

 

© 2013 - web design di Silvia Basile
All images on this site belong to their respective owners